SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA € 150,- di valore dell'ordine in Germania
schneller Versand
sichere Zahlungssysteme
Service 07473-9533353
Filtra
Chiudi filtri
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Nessun risultato trovato per il filtro!
Universal
Universal
Ausilio di avviamento per moto e auto Multi Pocket Booster CP-12
Ausilio di avviamento per moto e auto Multi Pocket Booster CP-12
79,95 € *

Tempo di consegna 1 Giorno di lavoro

Universal
Ausilio di avviamento per moto e auto Multi Pocket Booster CP-14
Ausilio di avviamento per moto e auto Multi Pocket Booster CP-14
99,95 € *

Pronto per la spedizione di oggi

Universal
Universal
Universal
Universal
Caricabatterie BC K900 EVO 12V CAN bus
Caricabatterie BC K900 EVO 12V CAN bus
89,95 € *

Pronto per la spedizione di oggi

Caricabatterie e potenziometri per motociclette Jump Start

La maggior parte dei motociclisti sono principalmente su strada con le loro due ruote durante la stagione calda. Se le condizioni invernali prevalgono all'esterno, la moto di solito rimane in garage. Dopo la pausa invernale, la batteria ha spesso difficoltà a riportare in vita la bicicletta in primavera. La maggior parte dei possessori di una targa stagionale conoscono i problemi di avviamento della moto. Lo stesso vale per pochi piloti. Affinché la batteria della motocicletta possa sopravvivere ai lunghi periodi di stazionamento senza subire danni, è importante caricarla regolarmente. Nel TECbike Onlineshop vi forniamo diversi caricabatterie per moto:

    t
  • Caricabatterie da moto 12 V per batterie al piombo e al litio
  • t
  • Caricabatterie 6V e 12 V CAN bus
  • t
  • Ausilio di avviamento per moto e auto booster
  • t
  • Cavo di contatto rapido
  • t
  • Adattatore universale per presa accendisigari

Con il caricabatterie giusto la batteria rimane funzionale

Il pensiero di un caricabatterie per moto in realtà in molti casi arriva troppo tardi. Immaginate di voler fare il prossimo tour. Tutto è pronto, si preme il pulsante di accensione e al massimo si raccoglie solo un "organo" stanco del motore. Ma manca ancora la scintilla di accensione. Soprattutto perché la batteria della moto ha rinunciato al suo fantasma.

Soprattutto se la vostra moto è parcheggiata per un periodo di tempo più lungo, ha senso mantenere e caricare l'accumulatore, come viene effettivamente chiamato l'accumulatore, a intervalli regolari. Da un lato, questo impedisce efficacemente che la batteria della moto si scarichi completamente. D'altra parte questa carica contrasta la cosiddetta solfatazione.

Una piccola escursione nella tecnologia: la costruzione della batteria

Ogni bambino lo sa: La batteria (auto o moto) è un dispositivo di accumulo di energia. Durante il funzionamento, l'alternatore genera energia in funzione della velocità di rotazione. A basso regime di rotazione del motore, tuttavia, la quantità di energia prodotta non è sufficiente; la parte mancante è fornita dalla batteria al piombo-gel o da una batteria agli ioni di litio.

Se un veicolo è dotato di un avviatore elettrico, l'accumulatore, come viene correttamente definito il dispositivo di accumulo della corrente, si assume anche il compito di fornire la potenza necessaria per l'avviamento. Se il motore funziona a velocità sufficiente, l'alternatore produce così tanta corrente che non solo tutti i sistemi sono alimentati con energia, ma anche la batteria può essere completamente ricaricata grazie al surplus.

Nei motocicli vengono utilizzate solo batterie da 6 e 12 volt. La versione più piccola è composta da tre singole celle collegate in serie. Ogni singola cella ha una tensione di cella di due volt. Di conseguenza, le batterie da 12 volt sono costituite da sei celle singole.

Ognuna delle singole cellule è composta a sua volta da diverse piastre positive e negative. Tra di loro c'è il cosiddetto separatore, una piastra porosa. Impedisce il contatto diretto tra gli elementi positivi e negativi.

Le cellule contengono anche acido solforico. Se un consumatore è collegato, contribuisce alla massa attiva delle piastre positive (ossido di piombo) e negative (piombo) che si decompongono in solfato di piombo quando sono caricate. L'energia elettrica viene generata e rilasciata. Se l'accumulatore è completamente scarico, rimane solo un po' di acido, le masse della piastra sono costituite da solfato di piombo puro.

Affinché non si arrivi a tanto, si usa un caricabatterie. Il processo di carica fornisce energia elettrica al dispositivo di accumulo dell'energia, il processo chimico può essere invertito.

Cosa è importante per i caricabatterie per moto?

Se si confronta una batteria per auto con la batteria di riserva per moto, si scopre che queste ultime hanno meno ampere ore (AH). Il caricabatterie deve quindi essere in grado di adattarsi a questa caratteristica speciale. Solo in questo modo è possibile caricare l'accumulatore nel modo più delicato possibile.

Un unico criterio importante è la qualità del processo di carica e di mantenimento della carica. È importante caricare le batterie delicatamente fino alla tensione di carica finale. Poi viene avviata una fase di ricarica. Per mantenere il dispositivo di accumulo dell'energia sempre al massimo delle prestazioni, è importante una modalità di manutenzione.

Un ulteriore criterio per l'acquisto di un caricabatterie e di una carica di mantenimento è la performance. Pertanto, verificare in anticipo a quale tensione funzionerà la batteria della vostra moto. Su TECbike è possibile ottenere caricabatterie che non solo consentono di regolare la tensione. A seconda del modello, sono adatti anche per la ricarica di batterie al piombo e al litio.

Come si usa un caricabatterie per moto?

L'uso di questo utile dispositivo è molto semplice. Prima lo si collega alla batteria della moto. In molti casi è necessario rimuovere la batteria. Anche se alcuni modelli possono essere caricati quando sono installati, questo non è raccomandato per motivi di sicurezza. Prestare particolare attenzione al corretto collegamento dei cavi: il polo positivo e negativo devono corrispondere ai poli della batteria. Altrimenti si rischia di danneggiare l'accumulatore e il caricabatterie. Quale palo deve essere fissato dove è indicato graficamente dai simboli sull'apparecchio e sulla batteria.

Quanto tempo ci vuole per caricare le batterie?

L'esatto tempo di ricarica dipende da due fattori: il caricabatteria e il dispositivo di accumulo dell'energia. Un buon dispositivo di solito indica lo stato di carica. In questo modo è possibile vedere esattamente quanto tempo ci vuole per caricare completamente il dispositivo di accumulo dell'energia. Non si raccomanda né è necessario caricare completamente la batteria. È sufficiente "riempire" la carica fino a quando il veicolo non può essere avviato. Sarà poi completamente carica per il prossimo viaggio.

TECbike vi offre una vasta gamma di caricabatterie di alta qualità per 6 V e 12 V. Date un'occhiata ora e scoprite!

Caricabatterie e potenziometri per motociclette Jump Start La maggior parte dei motociclisti sono principalmente su strada con le loro due ruote durante la stagione calda. Se le condizioni... leggi di più »
Chiudi finestra

Caricabatterie e potenziometri per motociclette Jump Start

La maggior parte dei motociclisti sono principalmente su strada con le loro due ruote durante la stagione calda. Se le condizioni invernali prevalgono all'esterno, la moto di solito rimane in garage. Dopo la pausa invernale, la batteria ha spesso difficoltà a riportare in vita la bicicletta in primavera. La maggior parte dei possessori di una targa stagionale conoscono i problemi di avviamento della moto. Lo stesso vale per pochi piloti. Affinché la batteria della motocicletta possa sopravvivere ai lunghi periodi di stazionamento senza subire danni, è importante caricarla regolarmente. Nel TECbike Onlineshop vi forniamo diversi caricabatterie per moto:

    t
  • Caricabatterie da moto 12 V per batterie al piombo e al litio
  • t
  • Caricabatterie 6V e 12 V CAN bus
  • t
  • Ausilio di avviamento per moto e auto booster
  • t
  • Cavo di contatto rapido
  • t
  • Adattatore universale per presa accendisigari

Con il caricabatterie giusto la batteria rimane funzionale

Il pensiero di un caricabatterie per moto in realtà in molti casi arriva troppo tardi. Immaginate di voler fare il prossimo tour. Tutto è pronto, si preme il pulsante di accensione e al massimo si raccoglie solo un "organo" stanco del motore. Ma manca ancora la scintilla di accensione. Soprattutto perché la batteria della moto ha rinunciato al suo fantasma.

Soprattutto se la vostra moto è parcheggiata per un periodo di tempo più lungo, ha senso mantenere e caricare l'accumulatore, come viene effettivamente chiamato l'accumulatore, a intervalli regolari. Da un lato, questo impedisce efficacemente che la batteria della moto si scarichi completamente. D'altra parte questa carica contrasta la cosiddetta solfatazione.

Una piccola escursione nella tecnologia: la costruzione della batteria

Ogni bambino lo sa: La batteria (auto o moto) è un dispositivo di accumulo di energia. Durante il funzionamento, l'alternatore genera energia in funzione della velocità di rotazione. A basso regime di rotazione del motore, tuttavia, la quantità di energia prodotta non è sufficiente; la parte mancante è fornita dalla batteria al piombo-gel o da una batteria agli ioni di litio.

Se un veicolo è dotato di un avviatore elettrico, l'accumulatore, come viene correttamente definito il dispositivo di accumulo della corrente, si assume anche il compito di fornire la potenza necessaria per l'avviamento. Se il motore funziona a velocità sufficiente, l'alternatore produce così tanta corrente che non solo tutti i sistemi sono alimentati con energia, ma anche la batteria può essere completamente ricaricata grazie al surplus.

Nei motocicli vengono utilizzate solo batterie da 6 e 12 volt. La versione più piccola è composta da tre singole celle collegate in serie. Ogni singola cella ha una tensione di cella di due volt. Di conseguenza, le batterie da 12 volt sono costituite da sei celle singole.

Ognuna delle singole cellule è composta a sua volta da diverse piastre positive e negative. Tra di loro c'è il cosiddetto separatore, una piastra porosa. Impedisce il contatto diretto tra gli elementi positivi e negativi.

Le cellule contengono anche acido solforico. Se un consumatore è collegato, contribuisce alla massa attiva delle piastre positive (ossido di piombo) e negative (piombo) che si decompongono in solfato di piombo quando sono caricate. L'energia elettrica viene generata e rilasciata. Se l'accumulatore è completamente scarico, rimane solo un po' di acido, le masse della piastra sono costituite da solfato di piombo puro.

Affinché non si arrivi a tanto, si usa un caricabatterie. Il processo di carica fornisce energia elettrica al dispositivo di accumulo dell'energia, il processo chimico può essere invertito.

Cosa è importante per i caricabatterie per moto?

Se si confronta una batteria per auto con la batteria di riserva per moto, si scopre che queste ultime hanno meno ampere ore (AH). Il caricabatterie deve quindi essere in grado di adattarsi a questa caratteristica speciale. Solo in questo modo è possibile caricare l'accumulatore nel modo più delicato possibile.

Un unico criterio importante è la qualità del processo di carica e di mantenimento della carica. È importante caricare le batterie delicatamente fino alla tensione di carica finale. Poi viene avviata una fase di ricarica. Per mantenere il dispositivo di accumulo dell'energia sempre al massimo delle prestazioni, è importante una modalità di manutenzione.

Un ulteriore criterio per l'acquisto di un caricabatterie e di una carica di mantenimento è la performance. Pertanto, verificare in anticipo a quale tensione funzionerà la batteria della vostra moto. Su TECbike è possibile ottenere caricabatterie che non solo consentono di regolare la tensione. A seconda del modello, sono adatti anche per la ricarica di batterie al piombo e al litio.

Come si usa un caricabatterie per moto?

L'uso di questo utile dispositivo è molto semplice. Prima lo si collega alla batteria della moto. In molti casi è necessario rimuovere la batteria. Anche se alcuni modelli possono essere caricati quando sono installati, questo non è raccomandato per motivi di sicurezza. Prestare particolare attenzione al corretto collegamento dei cavi: il polo positivo e negativo devono corrispondere ai poli della batteria. Altrimenti si rischia di danneggiare l'accumulatore e il caricabatterie. Quale palo deve essere fissato dove è indicato graficamente dai simboli sull'apparecchio e sulla batteria.

Quanto tempo ci vuole per caricare le batterie?

L'esatto tempo di ricarica dipende da due fattori: il caricabatteria e il dispositivo di accumulo dell'energia. Un buon dispositivo di solito indica lo stato di carica. In questo modo è possibile vedere esattamente quanto tempo ci vuole per caricare completamente il dispositivo di accumulo dell'energia. Non si raccomanda né è necessario caricare completamente la batteria. È sufficiente "riempire" la carica fino a quando il veicolo non può essere avviato. Sarà poi completamente carica per il prossimo viaggio.

TECbike vi offre una vasta gamma di caricabatterie di alta qualità per 6 V e 12 V. Date un'occhiata ora e scoprite!

Visto